By www.health-secrets.it       

Dieta o meglio ...           
un autentico stile di vita!
             

Il secondo segreto...
Per vivere a lungo, è la comprensione che ciò che immettiamo nel nostro corpo mediante ingestione, è la prima causa di contaminazione del nostro corpo, solo in seconda fase l' inquinamento ambientale influisce sulla nostra salute .


Ma.. l' alimentazione non è solo inquinamento a causa dell' industria, dei conservanti e additivi alimentari, cibarsi consapevolmente, significa anche conoscere che la cottura dei cibi, è molto pericolosa per i composti chimici che le alte temperature producono. ad esempio la carne cotta ad alte temperature produce la formazione di acrilamide, una sostanza cancerogena presente soprattutto nella carne cotta alla brace, nel grasso e carne carbonizzata. Anche gli olii ad elevate temperature degradano producendo composti che infiammano le cellule dell apparato digerente. Attenzione a non sottovalutare il passaggio grammaticale: Infiammazione significa danno alle cellule, che ripetuto, innesca una rigenerazione cellulare accelerata, causa di errori genetici i quali essi sono precursori delle crescite cancerose. Liberarsi da infiammazioni significa proteggersi dal cancro!

Allora la cottura fa male? Esiste nel mondo vegano soprattutto una corrente di pensiero che rifiuta a priori la cottura degli alimenti, il cosiddetto crudismo.
Ma la realtà è che neanche questo estremismo è davvero il giusto atteggiamento da prendere nella scelta e preparazione dei cibi.
Cuocere il cibo, elimina infatti una possibile carica batterica pericolosa per la salute, inoltre inattiva alcuni alcaloidi, veleni ed enzimi o composti definiti anti-nutrienti presenti in molti alimenti (fagioli, piselli, funghi, patate, lenticchie, lupini, cicerchie, ceci ecc.) Ciò vuoldire che in alcuni casi è necessario cuocere il cibo per estrarne ottimali princìpi nutrizionali come per il pomodoro e migliorarne la digeribilità. Eppure la cottura, distrugge molte vitamine come la vitamina B1 e C. Non solo, la cottura molto prolungata, ma soprattutto l' eccesso di temperatura nella cottura, diminuisce la digeribilità dei cibi, provocando una infiammazione intestinale la quale genera un aumento di globuli bianchi, i quali sono deputati a ripulire il sangue da agenti considerati esterni al corpo, i quali entrano nel torrente sanguigno a motivo dell' infiammazione intestinale. Anche il fegato ne soffre lavorando molto i più del necessario a ripulire l' organismo.

Stiamo dicendo, che mangiare cibi preparati in modo non salutare, genera quello che per principio si considera un precursore del cancro. Sì! Sia i cibi cancerogeni (olii di frittura esausti, carni carbonizzate ed altri cibi cotti a temperature troppo elevate), sono causa di forti infiammazioni che generano in poche parole danno alle cellule intestinali, e queste, essendo necessaria una più frequente ripetuta riparazione, possono iniziare a riprodursi con errori nel DNA i quali produrranno cellule cancerose. La salute del corpo inizia dalla protezione del proprio intestino, dando ragione alla medicina cinese che considera il cibo medicina!

Mediante l' esempio dei legumi e funghi, i quali non cotti, contengono sostanze non salutari, e considerando la neutralizzazione della carica batterica dalla cottura, sembrerebbe che cuocere sia necessario o indispensabile. Eppure nessuna regola si può applicare senza riflettere, infatti, ripetiamo che le cotture ad alte temperature sono davvero pericolose, nonchè alcuni alimenti, prevalentemente frutta, verdura e semi, è necessario mangiarli crudi per trarne tutti i vantaggi vitaminici nonchè proteici! (Un caso a parte è il consumo di semi di mandorle) in particolar modo per quelle amare, che se consumate crude, possono rilasciare acido cianidrico altamente dannoso per la nostra salute.

Insomma, non esiste la regola unica che in mille siti di dieta o pseudo-medici, insistono ognuno per i fatti propri, o nell' una direzione oppure nell' altra, perchè hanno interesse a proporre qualche prodotto o qualche eccentrica spiritualità se non peggio qualche filosofia esoterica.

Abbiamo parlato ancora di alimentazione, ma alimentarsi significa Dieta...

Dieta, non vuoldire solo dimagrire, ma per prima cosa, in una ottica di massima longevità possibile, è bene dissociarsi completamente dalle forniture dal mondo della grande distribuzione.
Molto più facile a dirsi che a farsi! Ugualmente però, cercheremo di essere chiari, in quanto non abbiamo aziende alimentari da proteggere o favorire.

I primi cibi in assoluto incriminati a diminuire l'aspettativa di vita nei paesi industrializzati, sono i cibi raffinati, ovvero modificati per ragioni industriali. Neanche la pasta è davvero immune da questo fenomeno, in quanto, i grani seminati, sono selezioni particolari ad alto rendimento, al prezzo di avere valori nutritivi inferiori per qualità, nonchè i trattamenti in agricoltura convenzionale (e parzialmente anche nel biologico) non consentono assolutamente al prodotto finale di essere davvero un prodotto naturale. Non solo, l UE ha autorizzato contro i pareri delle nazioni, l' uso come legale fino al 9% di prodotti OGM in tutti i preparati alimentari raffinati distribuiti nei supermercati (cialde, dolci, biscotti, ec ecc) ma non è finita quì! E noto che le carni offerte nei supermercati provengono da animali che si cibano anch' essi con foraggi OGM, inoltre sono pieni di ormoni della crescita, steroidi ed antibiotici.. in nome della sicurezza alimentare. Le aziende agricole stanno creando un problema di inquinamento delle falde acquifere con gli scarichi reflui animali, contaminati da antibiotici.

Anche in siti che sono perlopiù scritti bene, e dettagliati, non fidatevi se trovate improvvisamente articoli che benedicono il consumo del caffè come qualcosa di sano, a parte che la caffeina è un protettivo della pianta (un veleno) che la protegge da insetti, inoltre la carbonizzazione data dalla tostatura, rende il caffè una sostanza composta da ca 150 componenti tossici.. e che è davvero un eufemismo definirli sani.. eppure si scrive che fa bene e si beve..!

Al contrario, sono moltissimi i The e tisane che estraggono sostanze attive delle piante le quali sono utili all' organismo umano.

Dieta.. il digiuno:

Il digiuno non solo è parte della vita reale di tutti i popoli nomadi da tempi remoti, i quali mangiavano quel che trovavano spostandosi, e di caccia. Quindi non era garantita abbondanza giornaliera, e nemmeno il tipo di cibo disponibile.
Anche molte religioni prevedono per ragioni di credo, periodi di digiuno, gli antichi israeliti nel deserto, il Ramadan Mussulmano ecc, in realtà assolvono ancora una volta ad un compito purificatore, non solo in senso religioso ma altrettanto utile dal punto di vista fisico. Non sono rare infatti, le diete purificatrici le quali prescrivono un volta all' anno, pasti scarsi composti perlopiù di frutta e verdura.
Nel periodo di digiuno, il corpo è agevolato alla propria ri-generazione, la cosa coincide anche con il sonno, ma è rilevante notare che sia l' uomo che l' animale ferito o malato, provochi inappetenza, a reazione per ripristinare lo stato di salute. Questa distanza dal cibo, agevola i processi rigenerativi/riparatori delle cellule nonchè agevolerà il corpo non impegnandolo in digestioni e immettendolo in una condizione anche di purificazione fisiologica.

Digiuno Intermittente

Come per la dieta basata sulla diminuzione generica di apporto calorico, a maggior ragione, il Digiuno Intermittente, sempre più popolare nelle riviste di dieta, il quale consiste in un semi digiuno per 2 giorni a settimana casuali, in modo da essere anche più agevole da gestire, oltre ad aiutare nella perdita di peso, attiva nel corpo umano una fase di purificazione da tossine, sia i processi rigenerativi cellulari, rendendosi quindi un altro ottimo coadiuvante ai processi che contribuiscono alla maggiore longevità!

Il popolo degli Hunza, che vive ai piedi dell Himalaya, si dice che sia il popolo più longevo al mondo, oltre alla nota loro grande attività fisica, in quel territorio, le popolazioni ogni anno, passano un periodo di semi-digiuno per razionare la scarsità di cibo, il quale non razionato non sarebbe sufficiente fino alla ripresa vegetativa e crescita delle nuove colture. Bevono solo acqua di montagna (alcalina) e non si nutrono di alimenti industriali, ma agricoli e di allevamento auto-prodotti, scavalcando a "piè pari" la grande distribuzione di cibi velenosi a partire dallo zucchero, dalle farine OGM, grassi idrogenati, carni agli steroidi ecc ecc. leggendo come si nutrono e cosa bevono gli Hunza, inoltre essendo essi instancabili agricoltori che mantengono la loro attività manuale fino a tarda età, ci sembra, prendendoli ad esempio, davvero di aver detto tutto!


“La salute non è tutto...
ma senza salute, tutto è niente! ”

(Arthur Schopenhauer)
Vini biologici senza solfiti: Vino medievale

Sito realizzato da Webdesign-Specialist & You-Web